Carne y Arena - Fondazione Prada

CARNE y ARENA (Virtually Present, Physically Invisible) è un’installazione di realtà virtuale concepita da Alejandro G. Iñárritu, ed è una cosa che volete fare assolutamente, prima di Natale.

carne y arena - fondazione prada

Prima di Natale avete una piccola cosa grande da fare a Milano. Si chiama Carne y Arena ed è un’installazione di realtà virtuale ospitata dalla Fondazione Prada. Ma collocare questo lavoro di Iñárritu, quattro volte premio Oscar, in una definizione, sarebbe un po’ come dire che la Gioconda è un quadro: finché non ve la trovate davanti, non potete sapere che cosa vi state perdendo.

Se spiegarvi cosa è e come si presenterà davanti ai vostri occhi Carne y Arena è praticamente impossibile, posso però raccontarvi di che cosa si tratta. Anzi, ve lo può raccontare Iñárritu, che dopo un lavoro di oltre quattro anni, è riuscito finalmente a dare vita al progetto che voleva.

Alejandro G. Inarritu - Carne y arena - Milano

“Mentre l’idea di questo progetto si formava nella mia mente, ho avuto il privilegio di incontrare e intervistare molti rifugiati messicani e dell’America centrale. Le loro storie sono rimaste con me e per questo motivo ho invitato alcuni di loro a collaborare al progetto”.

Carne y Arena è un’esperienza che ripropone fedelmente le storie di un gruppo di migranti sudamericani che tentano di entrare negli Stati Uniti, sfidando la legge e la natura. Le storie, riprodotte fedelmente e con protagonisti le riproduzioni reali delle loro identità, sono proposte allo spettatore attraverso la realtà virtuale, al quale si chiede di essere partecipe, più che di guardare dall’esterno.

Carne y arena - Fondazione Prada

L’installazione costa poco, dura poco, ma vi lascia addosso sensazioni intense. Carne y Arena è sì “un osmotico scambio tra visione ed esperienza”, “una rivoluzione comunicativa in cui il vedere si trasforma in sentire” e “un’unità psicofisica dove l’umano sconfina nell’immaginario”, ma è anche e sopratutto un momento in cui ricordare cosa significa essere umani, perché tutti siamo uno e se noi siamo loro, loro sono noi.

Non ci sono muri spessi abbastanza per dividerci, e questo la storia ce lo ha insegnato.

Carne y Arena rimane aperta fino all’8 di Gennaio, ma i posti sono limitatissimi e per accedere c’è bisogno della prenotazione online.

PS: Se ci andate, un consiglio: provate a sfiorare le persone che avrete intorno.